GUARDIE AMBIENTALI WWF CASERTA - ATTIVITA' 2017

19.11.2017 - Oggi siamo alla Mostra d'oltremare di Napoli. Con i CARABINIERI FORESTALE, per la festa degli alberi...quest'anno dedicata all'oasi WWF degli Astroni, devastata da un enorme incendio questa estate.

 

Comunicato stampa:
Vigilanza ambientale del WWF ad Aversa.
Oggi 4 novembre 2017, un gruppo di guardie giurate del Wwf Italia, nucleo di Caserta, ha effettuato un servizio di vigilanza ambientale VOLONTARIO ad Aversa.
Siamo riusciti a far spegnere un incendio di rifiuti - commenta Alessandro Gatto, coordinatore regionale delle Guardie del WWF - in via del Campo, stradina secondaria di Aversa che dal viale Kennedy (variante) arriva a Carinaro. I vigili del fuoco sono arrivati in pochissimi minuti. Un GRAZIE doveroso va a loro.
Inoltre, durante il servizio, abbiamo segnalato al Comando della Polizia Municipale di Aversa la presenza di vari rifiuti abbandonati anche nel centro storico di Aversa, come, ad esempio grosse buste nere, contenenti toner di stampanti esauriti, in via Santa Marta. Purtroppo - conclude Antonio Borrelli - coordinatore provinciale del nucleo delle Guardie WWF di Caserta - ci sono ancora troppi incivili che non vogliono rispettare le minime regole di difesa dell'ambiente ed arrecano danni all'intera collettività.
SI RINGRAZIANO I VIGILI DEL FUOCO E LA POLIZIA MUNICIPALE DI AVERSA.

( VAI ALLA RASSEGNA STAMPA)

 
31.10.17 Una breve sintesti del lavoro prodotto dall Guardie Giurate Volontarie del WWF Caserta dal 1 gennaio 2017 al 31 ottobre 2017, solo nel territorio della Provincia di Caserta: sono stati svolti 62 servizi di vigilanza, percorso 4252 chilometri, prodotto 532 ore di lavoro volontario, prodotti 111 atti amministrativi e 21 penali. Recuperati i seguenti animali selvatici: 3 gheppi di cui 1 morto, 1 riccio, 1 civetta, 1 occhiocotto, 1 assiolo, 20 berte minori (tutte morte), 1 gabbiano corso (successivamente morto al Frullone), 1 gruccione, 1 succiacapre, 2 poiane, 13 lucherini, 4 verzellini, 1 cardellino, 1 fringuello e 3 tartarughe marine (di cui due morte).

29.10.17 Guardate bene per terra, ci sono centinaia di bossoli non recuperati da terra. La Legge 157/1992 dice in maniera chiarissima che il cacciatore è tenuto a raccogliere questi bossoli da terra...oggi abbiamo elevato un verbale di euro 52 per mancata raccolta bossoli. Non vi dico quanti ce ne sono in giro nelle campagne...migliaia e migliaia...tutta plastica che "arricchirà" il nostro futuro.

 

  

27.10.17 Altra poiana, PROBABILMENTE sparata, trasportata all'ospedale veterinario del Frullone di Napoli dalle Guardie del WWF...speriamo bene... 29.10.17
Ieri sera, 26.10.2017, a partire dalle ore 20:30 circa è partita una operazione di vigilanza ambientale e zoofila delle Guardie Zoofile e Venatorie del Wwf di Caserta unitamente ad alcune Guardie Zoofile dell'associazione Agriambiente. Nel comune di Casagiove (CE) hanno sequestrato diversi esemplari di Cardellini, Verzellini, Fringuelli e Lucherini, tutti appartenenti alla fauna protetta e tutti catturati in natura e venduti su internet come oggetti. Il venditore R.G. di anni 43 di Casagiove (CE) è stato sorpreso in flagranza di reato con una gabbia ed all'interno molti uccellini (diverse decine), questi erano in evidentemente stato di sofferenza e sicuramente detenuti in maniera incompatibile ed insopportabile per la loro etologia (scienza che studia il comportamento animale) e la loro Natura.
Le guardie Zoofile e Venatorie del WWF e di Agriambiente hanno proceduto al sequestro di tutta la fauna particolarmente protetta, denunciando il venditore all' Autorità Giudiziaria competente, La Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.
Gli uccellini sono stati affidati alle cure dell'ASL Veterinaria di Napoli - Centro Cras presso il Frullone per le cure e la riabilitazione. Speriamo - commentano il dott. Alessandro Gatto, coordinatore regionale delle guardie del WWF Campania e Carlo Costa coordinatore guardie Agriambiente che tutti gli animali tornino prima possibile in libertà. 
Si ringraziano i Carabinieri intervenuti prontamente sul posto, che hanno consentito il regolare e sereno svolgimento dell'operazione.
OPERAZIONE ANTIBRACCONAGGIO DELLE GUARDIE GIURATE DEL WWF NELLE CAMPAGNE DI VILLA LITERNO.
SEQUESTRATI VARI RICHIAMI ELETTROACUSTICI SEVERAMENTE VIETATI.

Oggi, 21 Ottobre 2017, le Guardie Giurate Venatorie e Zoofile del WWF della Provincia di Caserta, svolgendo attività di vigilanza per il controllo dei fenomeni di bracconaggio, dei reati ai danni dell’ambiente e della fauna, si sono recati nel territorio del comune di Villa Literno, in località "S. Sossio", nei pressi della zona inclusa nella Riserva Naturale Regionale "Foce Volturno...", denominata "Le Soglitelle" e non molto distante dal Lago Patria. Un territorio meraviglioso, che noi del WWF amiamo chiamare MAREMMA LITERNINA. Un territorio ricco di aree umide e di tanta biodiversità animale, vegetale, e paesaggistica. Una campagna umida, ricca di laghetti e di canneti, dove vivono centinaia di specie animali e vegetali diverse.
Comunque su questo territorio meraviglioso, in diversi luoghi, echeggiavano i famigerati richiami elettroacustici (detti comunemente “FONOFIL”), che riproducevano il verso dei tordi. Tale metodo di caccia, illegale e deplorevole, viene praticato per compiere stragi o per cattura con reti, che sono severamente vietate dalla Legge 157/92 e dalle leggi regionali in materia.
Nel territorio di Villa Literno, e non solo, le abitudini a “bracconare” sono ben lontane dall’estinguersi. Tra queste, in primis, l’uso per la caccia dei richiami acustici vietati. I riproduttori elettronici di versi di uccelli, piazzati nelle ore notturne, hanno il compito di attirare in questo periodo gli sventurati uccelli (tordi, ma anche allodole, quaglie, ECC.) che il cacciatore andrà a sparare all'alba facendo vere e proprie stragi, senza troppi sforzi, perché questi poveri animali tenderanno a concentrarsi nei pressi del finto verso elettroacustico...e questo è il motivo perché sono severamente vietati questi richiami.
Dopo diverse indagini e pattugliamenti il gruppo di vigilanza del WWF, all’alba del 21 ottobre 2017 ha sorpreso tre bracconieri intenti a cacciare con tali strumenti elettroacustici vietati. Tutti e tre i bracconieri si sono dati alla fuga, lasciando sul posto i tre richiami elettroacustici. A tal punto le Guardie WWF hanno chiesto l’intervento dei Carabinieri per far compiere i necessari atti di Polizia Giudiziaria. Quindi si è proceduto al sequestro di tre Richiami elettroacustici, dei relativi altoparlanti, degli strumenti di amplificazione del suono e delle batterie da 12 v. Collegate. Quindi con i Carabinieri Forestale, intervenuti a Villa Literno, abbiamo proceduto al sequestro degli strumenti severamente vietati suddetti. IL WWF, COGLIE L'OCCASIONE PER RINGRAZIARE I CARABINIERI ED I CARABINIERI FORESTALE, PER IL CORRETTO SVOLGIMENTO DELL'OPERAZIONE ANTIBRACCONAGGIO DI OGGI.
Villa Literno, 21 ottobre 2017

 

Domenica 15 ottobre 2017. Il WWF in Italia ha organizzato la manifestazione "Urban Nature", in collaborazione con i Carabinieri. In Provincia di Caserta, oltre alla Reggia, il WWF sarà anche a Castel Volturno con le Guardie Giurate, nucleo Caserta, presso la caserma dei Carabinieri Forestale di Ischitella. L'evento inizierà alle ore 8:00, ci saranno varie fasce orarie (9:30 ed 11:00) per le visite guidate. 
Si tratta di una Giornata in cui vogliamo avvicinare di più le persone alla biodiversità che sta vicino a noi, una biodiversità quasi cittadina. Infatti la riserva di Castel Volturno ospita una ricchezza di specie animali e vegetali enorme. Tutto vicino al centro abitato ed immerso aggiungo in una zona dove si è fatta una delle più grandi cittadelle abusive litoranee d'Italia. In altre parole faremo un'escursione in un'oasi di biodiversità sottratta alla colata di catrame e cemento che c'è stata sul litorale domizio negli anni passati. Un modo per capire anche quanta bellezza e quanta Natura è stata distrutta e quanta se ne può ancora salvare.

14.10.17 : Sopralluogo sul Fiume Volturno a Capua, alla ricerca di scarichi abusivi, segnalati dai cittadini

 

01.10.17 Vigilanza venatoria del WWF nella MERAVIGLIOSA MAREMMA LITERNINA...peccato per i tanti, troppi rifiuti...altrimenti paesaggio perfetto, con aree umide, gallinelle d'acqua, aironi, anatre selvatiche...ed anche uno splendido falco di palude.

01.10.17 Eccoci al Parco Pozzi di Aversa

 

30.09.17 Eccoci al lavoro di vigilanza ambientale volontaria ad Aversa. ONORATI ED ORGOGLIOSI DI COLLABORARE CON LA POLIZIA MUNICIPALE DI AVERSA.

 

 

27.09.17 : Sant'Antimo (NA) Volontari D.E.A
dopo tante denunce fatte da diversi cittadini i rifiuti sono sempre li

Nel pomeriggio di mercoledi 27 settembre i volontari dell’associazione D.E.A hanno ispezionato una stradina chiusa al traffico veicolare,segnatamente prolungamento via Fratelli Cervi .Durante l’ispezione dei luoghi si riscontrava la presenza di diverse tipologie di inquinanti giacenti ai margini della strada , in alcuni casi oggetto di combustioni illecite dove si notavano ancora la presenza di cenere nera di sicura provenienza da materie plastiche e parti ferrose di pneumatici,in prevalenza si accertava la presenza di moltissimi RSU assimilabili agli urbani,diverse lastre ondulate e un serbatoio dell’acqua in fibrocemento contenete presumibilmente amianto,pneumatici,materiali lignei, svariati materiali plastici,taniche di olio esausto,parti pastiche e metalliche di autovetture,vecchi infissi,indumenti,frigoriferi,tubi in pvc,polistirolo,suppellettili e altri materiali non classificabili a vista in quanto occultati e coperti da altri materiali ivi presenti.
E’ lecito che quest’area da anni viene usata come discarica abusiva di diverse tipologie di materiali ,è lecito che una strada venga chiusa al traffico veicolare come deterrente contro gli sversamenti illeciti … e nonostante ciò i rifiuti aumentano in modo esponenziale come se questi spuntassero dal terreno , o che molto probabilmente non sono stati mai rimossi con una bonifica nonostante la normativa del patto terra dei fuochi lo preveda .E soprattutto con la presenza,come nel caso specifico di amianto non messo in sicurezza, e piu delle volte in queste aree i rifiuti vengono dati alle fiamme.

 

 

24.09.17 : Scafati: sequestro dei Carabinieri in collaborazione con le Guardie giurate del WWF di armi, munizioni, reti da uccellagione ed animali selvatici protetti

Domenica 24 settembre 2017 i Carabinieri di Scafati, in collaborazione con le Guardie giurate del WWF (Fondo Mondiale per la Natura) nucleo provinciale di Salerno, hanno messo a segno l'ennesima brillante operazione per la salvaguardia dell'ambiente, con un sequestro di armi, munizioni, una rete da uccellagione e ben 13 cardellini, 1 verdone, 4 tordi, 1 storno, 4 quaglie ed 1 gazza ladra.

La rete da uccellagione, assolutamente vietata, è stata trovata dopo un lavoro di indagini che è durato molto tempo, su una sponda del fiume Sarno, in piena area Parco Regionale. Inoltre il bracconiere deteneva ben 7 verzellini morti e diversi animali da reddito. Il trasgressore, di Scafati, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per detenzione illegale di fauna protetta ed altri reati. Inoltre i Carabinieri e le Guardie giurate del WWF si sono imbattute anche in un caso di alcuni animali da reddito per cui si ipotizza il reato di maltrattamento, in quanto detenuti non rispettando le norme igienico-sanitarie. Presso la dimora del trasgressore è stato effettuato anche un controllo su armi e munizioni che sono state immediatamente sequestrate.

Tutti gli animali selvatici, idonei, sono stati prontamente liberati dai Carabinieri della Tenenza di Scafati diretti dal Tenente Gennaro Vitolo. ‘La liberazione degli animali è sempre il momento più emozionante’, dichiara l'arch. Piernazario Antelmi, delegato del WWF Italia per la Campania. Ad accompagnare le guardie del WWF Italia un’ospite d’eccezione: era infatti presente Sabrina Giannini, inviata storica di Report ed oggi conduttrice ed autrice di “Indovina chi viene a cena”, programma in onda su Rai3. Ancora una volta la sinergia tra i Carabinieri ed il WWF ha portato ad un eccellente risultato per la protezione dell’ambiente.

 

 
24.09.17 Eccoci al lavoro di vigilanza ambientale ed antibracconaggio anche oggi, domenica 24 settembre 2017, tra Giugliano, Villa Literno e Castel Volturno...era un po' di tempo che non postavo più cumuli di rifiuti abbandonati da CRIMINALI...non perché non ce ne fossero più...purtroppo. Dobbiamo imparare ad amare la nostra

 

 terra.

 

22.09.17  - L’Assessorato all’Ambiente e la sezione di Aversa del  WWF Italia hanno concluso un accordo preliminare per effettuare nel territorio del Comune di Aversa attività  di vigilanza ambientale e zoofila volontaria. Presenti all’incontro il sindaco Enrico de Cristofaro, l’assessore all’ambiente Marica de Angelis  il Comandante della Polizia Municipale, Stefano Guarino ed  Alessandro Gatto, Coordinatore regionale delle Guardia Giurate del WWF per la Campania.

A seguito di questo primo accordo verrà stipulata, al più presto, una vera e propria convenzione che consentirà l’avvio regolamentato e organizzato delle attività di vigilanza zoofila diretta e vigilanza ambientale in collaborazione con la polizia municipale.

“Evidenzio il carattere assolutamente volontario e gratuito del nostro lavoro – ha dichiarato Alessandro Gatto –  i nostri volontari avranno poteri coordinati con le autorità di polizia locale. Siamo davvero contenti della grande disponibilità ricevuta dal Comandante della Polizia Municipale di Aversa che ringraziamo in maniera particolare”.

Una iniziativa importante che ha trovato particolare attenzione anche da parte dell’Assessore de Angelis: “Si tratta di uno strumento utile ed innovativo di gestire il controllo del territorio, garantendo anche la qualità dell’ambiente in cui viviamo. Ci stiamo proiettando, insieme a tutta l’Amministrazione, verso nuovi sistemi di riferimento, quanto prima elaboreremo un progetto di convenzione definitiva.”

21.09.17 Rilascio in mare Tartarughe Caretta Caretta presso Lido Don Pablo- Ischitella Castelvolturno

 

 
18.09.17 - Vigilanza alle Soglitelle (riserva naturale regionale "Foce Volturno, costa di Licola) Villa Literno.

 

 


OPERAZIONE ANTIBRACCONAGGIO DELLE GUARDIE GIURATE DEL WWF 
IN PENISOLA SORRENTINA. 
UN BRACCONIERE DENUNCIATO AI CARABINIERI 
SEQUESTRATE ARMI E MUNIZIONI.

Il giorno 10 settembre 2017, le Guardie Giurate Venatorie e Zoofile del WWF della Provincia di Napoli, svolgendo attività di vigilanza per il controllo dei fenomeni di bracconaggio e dei reati ai danni dell’ambiente, si sono recati nel territorio della Penisola Sorrentina e, precisamente, nel territorio di Massa Lubrense, in località Monte di Torca.
Sul territorio di caccia, in diversi luoghi, echeggiavano i famigerati richiami elettroacustici (detti comunemente “FONOFIL”). Tale metodo di caccia, illegale e deplorevole, viene praticato per compiere stragi o per cattura con reti, che sono severamente vietati dalla Legge 157/92 e dalle leggi regionali in materia.
Sui Monti Lattari e in Penisola Sorrentina le abitudini a “bracconare” sono ben lontane dall’estinguersi. Tra queste, in primis, l’uso per la caccia dei richiami acustici vietati. I riproduttori elettronici di versi di uccelli, piazzati nelle ore notturne, hanno il compito di attirare in questo periodo le sventurate quaglie che il cacciatore andrà a prelevare all’alba. Un inganno, tra i tanti, alla fauna selvatica che, ancora una volta, ci rimette le penne! Tra l’altro la maggior parte di tali richiami viene rinvenuta proprio su soprassuoli percorsi dalle fiamme. Tale circostanza, che non può apparire solo una semplice coincidenza, ci deve far riflettere sulla gravità di tali pratiche, tanto anacronistiche quanto dannose ma che, purtroppo, sono ancora tristemente tollerate nella mentalità di tanti.
Dopo diverse indagini e pattugliamenti il gruppo di vigilanza del WWF, all’alba del 10 settembre, ha sorpreso tre bracconieri intenti a cacciare in periodo di chiusura con tali strumenti elettroacustici vietati. Dei tre bracconieri solo uno si è fermato, gli altri due si sono dati alla fuga. A tal punto le Guardie WWF hanno chiesto l’intervento dei Carabinieri del Comando Stazione di Massa Lubrense, per far compiere i necessari atti di Polizia Giudiziaria. Quindi si è proceduto al sequestro di un fucile e di decine e decine di cartucce di vario calibro. Un bracconiere è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata. Le Guardie Zoofile e Venatorie del WWF, assieme alle Forze dell’Ordine, nei prossimi giorni, effettueranno ulteriori controlli.
“Questa estate le fiamme divampate hanno mandato in fumo migliaia di ettari di boschi – dichiara Claudio d’Esposito Presidente del WWF Terre del Tirreno – causando un danno inestimabile! Ma oltre alla distruzione della flora sono state ingenti anche le perdite della fauna selvatica. Durante gli incendi cinghiali e volpi sono stati avvistati correre all’impazzata terrorizzati, poiane e corvi volare disorientati. Tanti animali non ce l’hanno fatta: lepri, faine, martore, ricci, rettili, api e insetti oltre a piccoli uccelli, sono stati rinvenuti senza vita, uccisi dalle inalazioni di fumo, dalle alte temperature, dall’assenza di cibo e acqua o arsi vivi dalle fiamme che non gli hanno lasciato alcuna via di scampo. Eppure, dopo tale tragedia, ben 18 Regioni cosa hanno pensato di fare? Di anticipare l’apertura della caccia, per completare la mattanza della fauna selvatica ignorando, oltre al buon senso, anche il parere dell’ISPRA, il massimo organo competente, che ha suggerito di bloccare o sospendere l’avvio della stagione venatoria di almeno un mese. Nei soli primi due giorni di preapertura di caccia i nostri volontari hanno già raccattato da terra numerosi uccelli impallinati appartenenti a specie protette, tra questi una albanella minore, un gheppio, un gruccione e un raro falco di palude. Tutto ciò fa riflettere sulla tutela della Natura che esiste in Campania. Il nostro non è un paese per la fauna selvatica. Una classe politica miope vorrebbe forse i cieli d’Italia vuoti rendendo concreto lo scenario preconizzato dal grande scrittore americano Jonathan Franzen: “Emptying the skies”?
“La preapertura della caccia - aggiunge Piernazario Antelmi Delegato per la Campania del WWF Italia - rischia di rappresentare un ennesimo e duro colpo per la fauna selvatica, già stremata da siccità, caldo e incendi. In questo tragico quadro, consentire ben 5 mesi di stagione venatoria con oltre 570 mila fucili in giro per le campagne è una scelta totalmente insostenibile. La caccia è stata anticipata anche a specie come la tortora (classificata come “SPEC 1”, ossia specie presenti in Europa che meritano un'attenzione particolare di conservazione, in quanto la consistenza delle popolazioni le pone come minacciate a livello mondiale) e la quaglia (classificata come “SPEC 3”, specie che in Europa hanno uno status di conservazione sfavorevole).”

Meta, 10/09/2017

 

 

09.09.17 Sei cardellini ed un fanello liberati dalle Guardie WWF e Carabinieri Forestale a Torre del Greco (Napoli).
Ancora un bel colpo messo a segno dalle Guardie Giurate del WWF, nucleo di Napoli, Coordinate da Bruno Cajano, nel territorio del comune di Torre Del Greco (NA), che hanno dovuto richiedere l'intervento dei Carabinieri Forestali.
"Durante un semplice controllo zoofilo su due cani sprovvisti di microchip - raccontano Domenico Di Donna ed Antonella di Rosa, entrambi Guardie Giurate del WWF Italia - nella giornata dell' 8 settembre 2017, abbiamo udito il canto di cardellini e ci siamo incuriositi, iniziando a cercare di capire dove fossero questi animali selvatici. Ad un certo punto abbiamo trovato sei cardellini ed un fanello (tutti uccelli fringillidi particolarmente protetti da Leggi nazionali ed internazionali) detenuti illegalmente in gabbie". "A tal punto - interviene Bruno Cajano, coordinatore del nucleo delle Guardie Giurate WWF di Napoli - abbiamo dovuto chiedere l'intervento dei Carabinieri Forestale con i quali, arrivati sul posto prontamente, abbiamo concluso brillantemente l'operazione, liberando gli animali selvatici in luogo idoneo".
La persona è stata denunciata all'Autorita' Giudiziaria competente.
Il WWF Campania, dichiara L'Arch. Piernazario Antelmi, Delegato Regionale del WWF Italia per la regione Campania, ringrazia sempre l'Arma dei Carabinieri Forestale per l'ottima operazione eseguita e per la collaborazione offerta al WWF.
03.09.17 Liberazione di una giovane poiana, curata e riabilitata, nel Bosco di San Silvestro.

 
25.08.17 Intervento del Nucleo Vigilanza Ambientale del WWFa Castel Volturno, con Valerio Boccone, funzionario del Comune. Notate alcune persone che abbandonavano rifiuti in luoghi non consentiti (marciapiedi), effettuata opera di informazione e sensibilizzazione. Poi abbiamo segnalato ad una pattuglia dell'esercito una persona che nonostante il nostro servizio di informazione ha pensato bene di attendere il nostro allontanamento per abbandonare i rifiuti a tutti i costi (persona nella foto con carriola).
21.07.17: Ennesimo incendio ad Aversa, in via Atellana, non molto distante dal cimitero del comune di Cesa. Ieri sera il nucleo di vigilanza ambientale volontaria del WWF Caserta ha collaborato alle operazioni di spegnimento e di contenimento dei danni. Ringrazio con tutto il cuore i nostri volontari, i vigili del fuoco che sono intervenuti prontamente e tutti gli altri volontari che erano presenti sul posto (tutti questi volontari fanno davvero bene al cuore, perché ci sono tantissime persone che si prodigano per la tutela dell'ambiente, della Natura e della "Cosa Pubblica".
18.07.17 : Ancora roghi a Giugliano in Campania. Sul posto ci sono nostri volontari del WWF che fanno quel che possono anche a mani nude. Vorrei fare un appello a tutti: NON GUARDATE SOLO...FATE QUALCOSA...ALMENO TELEFONATE AL 115 ED ALLA FORZA DI PUBBLICA SICUREZZA (112 O 113). Denunciamo quando è possibile. Facciamo tutti qualcosa.
14.07.17 : Intervento di spegnimento di un inizio di incendio di rifiuti presso il parcheggio del Cimitero di S. Maria C.V.

Sabato 1 luglio 2017 Intervento di spegnigmento un incendio di macchia mediterranea nel parco regionale foce Garigliano (Sessa Aurunca - Caserta)

22.06.2017
STASERA SIAMO STATI ONORATI (NUCLEO PROVINCIALE VIGILANZA AMBIENTALE DEL WWF DI CASERTA) DI COLLABORARE CON I VIGILI DEL FUOCO (VERI ANGELI) E LA PROTEZIONE CIVILE NEL CONTENIMENTO PRIMA E NELLO SPEGNIMENTO POI (GRAZIE AI VIGILI DEL FUOCO)D UN INCENDIO DI ENORMI DIMENSIONI NELLE CAMPAGNE DI TRENTOLA DUCENTA (CASERTA). RINGRAZIO CON TUTTO IL CUORE LE NOSTRE GUARDIE GIURATE: PAOLO CONTE e LUIGI BATTISTA ED I NOSTRI VOLONTARI: PAOLO VILLANO E LUIGI VILLANO.

Giugno 2017 - Il caldo e la prolungata siccità favoriscono gli incendi dolosi di rifiuti. Nonostante le denunce e le segnalazioni dei Volontari del WWF Caserta, Terra di Lavoro è ancora Terra dei Fuochi !

 

Attività di monitoraggio del 30.05.2017 - San Prisco (CE)

 Attività monitoraggio 24.05.2017 - Agro Aversano

 

13.05.17 - Soccorsa una tartaruga ferita sul litorale domitio, ora ricoverata presso il Turtle Point di Napoli.

 

Strage di Caretta caretta sul litorale domitio : due ritrovamenti tra Mondragone ed Ischitella tra il 24 ed il 27 marzo

26.03.17 : Foce Volturno

Operazione congiunta Carabinieri e WWF: "NATURA LIBERA A POGGIOMARINO (NA)".
Nella giornata del 22 marzo 2017 i Carabinieri di Poggiomarino (Na), nelle persone del Maresciallo Andrea Manzo, dell'Appuntato Scelto Pasquale Palumbo e dell'Appuntato Antonio Napodano
in collaborazione con le Guardie Giurate del WWF Italia
(Fondo Mondiale per la Natura), nucleo di Napoli, Domenico Di Donna ed altri, hanno concluso brillantemente l'operazione "NATURA LIBERA A POGGIOMARINO (NA)".

In pratica i Carabinieri, insieme alle Guardie del WWF, si sono mossi il 22 marzo 2017, per mettere a segno l'ennesimo colpo
contro il fenomeno del bracconaggio e dell'uccellagione (cattura, detenzione e vendita di animali selvatici protetti dalle Leggi nazionali ed internazionali),
stavolta nel territorio di Poggiomarino (NA).
Sono stati rinvenuti, in una voliera ed alcune gabbiette, 13 Cardellini, 2 Fringuelli ed altri animali particolarmente protetti.Molti animali selvatici sono stati liberati in Natura dai Carabinieri e dalle Guardie del WWF, solo alcuni, bisognosi di cure, sono stati trasferiti al presidio ospedaliero veterinario del Frullone di Napoli. Una persona è stata denunciata per detenzione illegale di animali selvatici, protetti dalle Leggi regionali, nazionali ed internazionali.Il WWF ringrazia l'Arma dei Carabinieri per l'ottima operazione eseguita.
Per info:
vigilanzawwfcampania@gmail.com
25.03.2017 : Zona Afragola - Caivano

Orbetello. Riunione nazionale vigilanza WWF. 17,18 e 19 marzo 2917

  

16.03.17 - Attività di vigilanza e denuncia di discariche nella zona di Brezze e Villa di Briano

 

11-15-03.17 - Riccio e civetta feriti portati d'urgenza all'Ospedale Veterinario Frullone dai volontari WWF

05.03.17 : Vigilanza Ambientale a Foce Garigliano - segnalazione di discariche abusive di rifiuti urbani

Vigilanza ambientale zona di S.Tammaro - Villa di Briano - segnalazione di discariche abusive di rifiuti urbani e pericolosi

Attività di vigilanza lungo i Regi Lagni ( discariche abusive )

04.03.17 : Attività di vigilanza ambientale presso il Bosco di San Vito (S.Angelo in F. - Capua ) - valutazione di eventuali disboscamenti abusivi

02.03.17 : Ritrovamento di una carcassa di un grosso esemplare Caretta caretta sul litorare domitio

01.03.2017 . Attività di monitoraggio Litorale Domitio

Antonio Borrelli, dal 1 marzo 2017 è il neo coordinatore del nucleo vigilanza WWF Caserta.
Auguri e buon lavoro.

 

 

26.02.17 - Mondragone e Litorale Domitio  

Ritrovamento di una berta minore morta sul litorale domitio. I volontari hanno portato l'uccello all'Ospedale Veterinario Frullone per l'autopsia.

   

 
25.02.17 - Villa Literno e Litorale Domitio  

Chiusura corso guardie ambientali WWF - Aversa, 22.01.17

 

Con una semplice e sobria cerimonia, tipica di persone pragmatiche e abituate alla operatività, si è conclusa domenica 22.01.17, presso il salone della Caritas Diocesana di Aversa, il corso per guardie ambientali e zoofile del WWF, coordinato da Alessandro Gatto.
Erano presenti ed hanno portato il loro saluto ed un fattivo contributo anche Gianpaolo Oddo, coordinatore nazione delle Guardie, P, Antelmi, coordinatore regionale del WWF Campamia, Bruno Caiano, coordinatore Guardie WWF Campania  e l'uscente vicepresidente del WWF Italia,
Raniero Maggini.

Il WWF ha diplomato ben 37 nuove guardie ambientali che con il loro lavoro volontario certamente contribuiranno alla salvaguardia del nostro territorio, coordinati ed animati dall'ottimo Alessandro Gatto.

Durante la cerimonia sono stati raccolti fondi da destinare alle attività del gruppo guardie Abruzzo - Lazio - Marche che sta assistendo gli animali selvatici e degli allevamenti martoriati dal terremoto e dall'emergenza neve.

 

Attività del Gruppo Vigilanza Ambientale - Gennaio - Febbraio 2017